Integratori a base di bromelina

Da sempre l’ananas e i suoi principi sono utilizzati per dare sollievo ad una vastità di sintomatologie. Oltre a tutti i suoi usi, sono realizzati anche gli integratori bromelina.

  • Ha lo scopo di eliminare i liquidi in eccesso per chi vuole sentirsi meno gonfio. La bromelina è un mix di enzimi dalla funzionalità proto-eolica che viene estratta prettamente dal gambo dell’ananas. In linea generale la bromelina che viene usata per la realizzazione degli integratori è estratto proprio dal gambo dell’ananas. Tra gli effetti quello per cui viene impiegato maggiormente è certamente per gli effetti digestivi ma è usata anche per i suoi numerosi effetti positivi. Infatti sono note le funzioni anticoagulanti, antinfiammatorie, antiossidanti, antiedemigene, antitrombotiche e immunomodulanti. La bromelina viene impiegata ormai da anni con effetti positivi e diversi studi hanno potuto anche certificare le varie attività benefiche. Infatti, gli integratori alla bromelina sono ampiamente utilizzati per:

    • semplificare i processi digestivi,
    • gestire gli stati infiammatori,
    • riprese da traumi sportivi,
    • azione drenante,
    • funzione antinfiammatoria.

    La bromelina negli ultimi anni è stata impiegata anche per riniti, flebiti, cellulite, vene varicose e artrite reumatoide. Le caratteristiche sono ascrivibili all’espressione genica di fattori coinvolti nel mantenimento dei processi ossidativi e infiammatori.

    Efficacia degli integratori alla bromelina

    Gli integratori a base di bromelina sono utilizzati per vari scopi e non solo con effetto drenante e anticellulite. Tra i risultati più efficienti ci sono:

    • cellulite e sovrappeso: uno degli usi più frequenti è quello per contrastare la cellulite, infatti spesso non si tiene in considerazione che la cellulite non è solo un inestetismo della pelle besi è uno stati di infiammazione che porta al ristagno dei liquidi con conseguente deposito di grasso. In questo caso gli integratori bromelina drenati sono indispensabili per stimolare la diuresi riparando il trofismo cellulare e normalizzando la struttura del tessuto cutaneo e sottocutaneo. Proprio per queste sue proprietà benefiche viene utilizzato negli individui affetti da obesità ed in particolare quando la ritenzione idrica provoca un aumento del peso
    • traumi sportivi: è una dei campi di applicazione più efficaci, infatti è utilizzato per i traumi sportivi diretti come le contusioni oppure per traumi indiretti come stiramenti, strappi e contratture. L’effetto di riduzione del dolore è dovuto soprattutto alla capacità della bromelina di diminuire gli stati dell’infiammazione dell’edema anziché ad un’azione analgesica;
    • disturbi delle vie respiratorie: sono particolarmente note le sue proprietà anti mucolitiche, infatti alcuni studi hanno dimostrato una migliore attività polmonare dopo l’impiego di bromelina. Dunque è utilizzata per fluidificare le secrezioni bronchiali, nonché è utilizzato in via sperimentale per la cura dell’asma allergica e della sinusite;
    • tromboflebiti: una ricerca condotto su 73 pazienti affetto da tromboflebite acuta sono stati osservati una riduzione dell’infiammazione, una riduzione dell’edema, del dolore e dell’arrossamento;
    • vene varicose: le varici sono dei rigonfiamenti delle vene delle gambe, in particolare si nota una diminuzione dell’attività fibrinolitica, questa causa una deposito di fibrina con conseguente indurimento dei tessuti circostanza. La bromelina in questo caso agisce in modo simile all’attivatore plasminogeno che provoca la scissione della fibrina. La bromelina è infatti consigliata anche prima e dopo le operazioni alle vene varicose;
    • dismenorrea: in combinazione alla papaina è utilizzato per alleviare i dolori delle mestruazioni infatti è in grado di rilassare la muscolatura liscia e la conseguente riduzione di spasmi alla cervice;
    • antibiotica: è impiegata nel trattamento polmoniti, ascessi perirettali, pielonefriti, infezioni cutanee da stafilococco.
    • ferite ed ustioni: è stato osservato che un trattamento con bromelina, oltre ad una pulizia profonda della lesione facilita favorisce anche la riduzione del dolore nelle ferite e nelle ustioni dell’uomo.

    Ci sono poi altri campi d’applicazione della bromelina, alcuni ancora in via di sperimentazione. Come ad esempio pitiriasi lichenoide cronica, una malattia rara che si manifesta in prima della pubertà. È una specie di dermatite di non facile diagnosi e dalla durata variabile.

    Proprietà e caratteristiche

    Alla luce di quanto detto, gli integratori alla bromelina possono essere utilizzati per i più svariati scopi. Ma certamente prima di iniziare l’uso di questi particolari prodotti è bene chiedere il parere del proprio medico curante che conosce la storia clinica di ogni paziente. Spesso si sente parlare di prodotti ad alto potere drenante: acqua, creme, bevande, tisane e massaggi. Ma cosa sono i prodotti drenanti? Con il termine drenante si intendono tutte quelle sostanze che sono in grado di eliminare l’acqua in modo naturale.

    L’assunzione degli integratori in ogni caso non dovrebbe mai superare la dosa indicata nei foglietti illustrativi. Gli integratori alla bromelina drenanti sono disponibili online, nelle farmacie e nelle erboristerie. Questa tipologia di prodotti vengono spesso utilizzati per gli stati infiammatori dei tessuti molli e in presenza di edema.

    Vanno oltremodo utilizzati nei pazienti obesi poiché l’ananas contribuisce ad eliminare il gonfiore che causa aumento di peso. Inoltre il gambo dell’ananas è tipicamente utilizzato per il trattamento della cellulite. La cellulite si ricorda che non è solo un inestetismo della pelle ma è una vera e proprie infiammazione.

    Nell’organismo umano è presente il sistema circolatorio che è composto da una ricca rete di vasi che formano il sistema linfatico. Lo scopo di questo essenziale sistema è quello di accumulare le sostanze di scarto, quali liquidi in eccesso e tossine dai tessuti, che supportano la loro eliminazione. Questo scorto avviene solo se si attivano i muscoli in contrazione per assicurare il movimento della linfa attraverso i vasi.

    Effetti collaterali

    In generale la bromelina viene ben tollerata dall’organismo ma ci possono comunque essere degli effetti indesiderati quali vomito, crampi addominali, diarrea e nausea, raramente metrorragia e menorragia. Inoltre è controindicato in caso di ipersensibilità del prodotto, ulcera gastrica, e contestualmente all’uso di farmaci anticoagulanti, antibiotici e antitrombotici.

    Infatti sono sconsigliati l’interazione contestuale con il Warfarin e l’aspirina poiché potrebbero amplificare gli effetti di questi due farmaci, Alla stesso modo anche l’uso con l’emivita sierica e antibiotici come l’Amoxicillina e le Tetracicline. La bromelina non va utilizzata nelle donne in stato di gravidanze, durante il periodo di allattamento e nei bambini piccoli.