Integratori alla betulla

Gli integratori a base di betulla sono un prodotto che moltissime persone utilizzano per il proprio benessere e anche per il benessere della propria famiglia.

  • La betulla è una pianta perenne che fa parte della famiglia delle betulacea conosciuta sin dai tempi antichi a causa delle sue proprietà sia diuretiche che depurative, e per questo impiegata per trattare la cellulite dei disturbi alle vie urinarie.

    Il nome di questa pianta è un comune latinismo, dal latino betulla, che proviene a sua volta da una parola gallica, collegata con il termine bitumen: c’è anche una voce di tradizione popolare bidolla che però non ha raggiunto la toscana.

    Invece, le piante di questo genere sono conosciute nei paesi germanici con il nome di birke, birch, grazie alla presenza di una radice indoeuropea, che significa splendente o bianco. Così come altri alberi appartenenti a questa famiglia, così come diverse specie di ontani, le betulle sono interessate da una simbiosi radicale, e queste sono realizzate da attinomiceti del tipo Frankia, a funzione azoto fissatrice.

    Questa simbiaosi è causa di un enorme benessere per la pianta, in quanto riesce a vivere a lungo in luoghi che sono poveri di risorse per sopravvivere.

    La betulla è un albero conosciuto sin dai tempi antichi grazie alle sue molteplici proprietà depuranti e detossinanti: proprio per questo, negli ultimi anni, viene prodotto un ottimo integratore a partire dalla betulla, che viene utilizzato per diversi motivi.

    C’è da dire che della betulla si utilizzano moltissime parti, come ad esempio le foglie, la linfa e la corteccia, ed ognuna di queste parti svolge delle funzioni diverse.

    In generale, si può dire che la betulla è in grado di contrastare la ritenzione idrica, l’edema, la cellulite, le infiammazioni, l’ipertensione, l’infiammazione delle vie urinarie, l’eccessiva sudorazione, le affezioni cutanee, i dolori muscolari, la caduta dei capelli, l’ipercolesterolemia e il meteorismo.

    Non si dimentichi che la betulla gode di ottime proprietà diuretiche e depurative: quindi, questa pianta favorisce sicuramente l’atto della minzione, attraverso la quale avviene l’espulsione delle tossine.

    In ambito erboristico vengono impiegate maggiormente le foglie di questa pianta, che sono ricche al loro interno di oli essenziali, acidi fenolici, flavonoidi e acido ascorbico: oltre alla foglia, si usano poi corteccia e linfa a scopo terapeutico. La corteccia, in particolare, gode di proprietà antidolorifiche e lenitive, mentre la linfa svolge un’ottima azione diuretica e contrasta il colesterolo alto.

    Benefici dell’integratore a base di linfa di betulla

    Quando si prepara un integratore a base di betulla, come si è anticipato, è possibile utilizzare tutte le parti di questa pianta, come ad esempio la corteccia, le foglie ed anche la linfa. In particolare, negli ultimi anni, l’integratore di linfa di betulla ha riscosso un discreto successo a causa delle sue moltissime proprietà e dei suoi numerosi benefici sull’organismo e sul corpo umano intero.

    Per preparare gli integratori a base di linfa, conosciuta anche come betula verrucosa linfa, viene estratto il gemmoderivatp, il quale contiene due eterosidi diversi che sono capaci di liberare, attraverso gli enzimi, il calicilato di metile, che svolge un’azione analgesica ed anche antinfiammatoria. La linfa di betulla, allo stesso modo delle foglie, viene impiegata specialmente per contrastare la cellulite, che è una condizione comune a numerosissime persone in tutto il mondo.

    Al fine di raccogliere la linfa per l’integratore, è necessario seguire una particolare tecnica: all’inizio del mese di marzo si fanno nelle betulle adulte alcuni fori, ad un’altezza di circa un metro da terra, che sono profondi dai due ai cinque centimetri. All’interno di questi si introduce un piccolo tubo attraverso il quale defluisce la linfa nei recipienti che sono posti a terra.

    Attraverso la distillazione delle corteccia è possibile avere poi il catrame di betulla, che si usa per contrastare i problemi cutanei: l’olio al suo interno si usa per preparare pomate per i dolori ai muscoli.

    A che servono le foglie di betulla?

    L’integratore a base di betulla viene preparato utilizzando diverse parti di questa pianta che porta moltissimi benefici al corpo: in base alla parte utilizzata, l’integratore svolge ovviamente un ruolo diverso all’interno del corpo. Dopo aver analizzato le caratteristiche della linfa di betulla, è interessante anche spendere alcune parole in merito ai benefici che sono apportati dalle foglie di questa pianta.

    Una cosa importantissima riguardo le foglie di betulla è il fatto che queste sono ricchissime di flavonoidi al loro interno, e questo permette loro di essere impiegate in campo fitoterapico grazie alle loro proprietà diuretiche ed anche depurative. Tra i flavonoidi che sono presenti all’interno della betulla è possibile menzionare i tannini, la vitamina C, l’acido betulinico, clorogenico e caffeico, le resine, gli olii essenziali ed anche gli ossidi sesquitepenici.

    La pianta svolge un’azione depurativa, supportata ovviamente dalla sua funzione diuretica: di fatti, l’incremento della minzione favorisce l’eliminazione non solo dei liquidi che sono presenti in eccesso, ma anche delle sostanze e delle tossine che il corpo non espelle facilmente.

    Proprio per questa ragione, le foglie di betulla vengono usate per contrastare sia la ritenzione idrica che l’ipertensione. La betulla e le sue foglie, infatti, servono non solo a detergere le vie urinarie, ma anche a contrastare la cellulite, che è un fastidio cutaneo di cui molti soffrono.

    Usi della betulla

    L’integratore di linfa di betulla apporta dunque moltissime proprietà benefiche all’interno dell’organismo, in quanto aiuta alla sua purificazione, così come anche all’eliminazione della cellulite e di altri problemi di ritenzione idrica. Tuttavia, si può godere dei benefici apportati da questa pianta non solamente servendosi di un integratore, ma anche creando delle preparazioni diverse, come ad esempio un infuso o un succo.

    Infatti, le foglie della betulla possono essere utilizzate in infusione, poi si può fare un succo di questa pianta, si può usare la linfa oppure creare un decotto a partire dalla sua corteccia. Succo, linfa e decotto vengono impiegati a causa delle loro proprietà diuretiche ed anche depurative, mentre invece l’infuso iene impiegato per contrastare la caduta dei capelli; il decotto, infine, serve per creare dei pediluvi ottimi a contrastare la sudorazione dei piedi.

    Inoltre, in commercio è possibile trovare un integratore a base di estratti di betulla, sia sotto forma di compresse, che sotto forma di gocce: ottima è anche la tintura madre, che si può trovare in erboristeria e che si usa per creare degli impacchi ad uso topico davvero efficienti.

    Proprietà e controindicazioni dell’integratore di betulla

    L’integratore preparato con la betulla è sicuramente un prodotto di origine naturale che vanta moltissime proprietà diuretiche e depurative: tuttavia, si tratta comunque di un prodotto che deve essere assunto solamente dopo l’approvazione da parte del proprio medico di fiducia. Anche se si tratta di un prodotto naturale al cento per cento, ci sono infatti delle controindicazioni e degli effetti collaterali che si possono riscontrare in seguito alla sua assunzione.

    In primo luogo, la betulla può causare, nei soggetti più sensibili, delle dermatiti da contatto, e in questi casi il suo uso interno è vietato a causa di edemi provocati da un’insufficienza di tipo renale oppure cardiaca. I preparati a base di betulla contengono al loro interno dei salicilati: si consiglia di evitare quindi la loro assunzione se si soffre di allergia all’aspirina, che contiene appunto queste sostanze.

    Inoltre, la betulla può interagire con alcuni farmaci diversi, come i barbiturici, gli antiaggreganti piastrinici, i farmaci gastrolesivi, il metotrexate, gli anticoagulanti, i diuretici ed anche con l’alcol, quindi si sconsiglia l’assunzione in contemporanea a tali prodotti. Infine, non si usino integratori a base di betulla in allattamento o in gravidanza, in quanto potrebbero causare allergie al bambino.