afte in bocca rimedi naturali

Parliamo oggi di afte in bocca e dei rimedi naturali per eliminarle.

Le afte sono piccole ulcere, lesioni, che colpiscono i tessuti della bocca: palato, mucosa delle guance e lati della lingua.

Tutti ne abbiamo sofferto almeno una volta e sappiamo bene quanto siano fastidiose. Si manifestano in adulti e bambini e causano dolore, soprattutto quando si mangiano cibi caldi.

In farmacia ci sono numerosi prodotti per curare le afte, ma anche la natura è ricca di principi molto utili per alleviare questo problema.

In questo articolo vedremo quali rimedi naturali e integratori usare per trattare questo disturbo e approfondiremo le cause delle afte orali.

Precisiamo che i prodotti naturali e gli integratori, pur non essendo farmaci, possono avere effetti collaterali. Bisogna quindi seguire le dosi e le modalità d’uso indicate. Inoltre, non vanno sostituiti ai farmaci prescritti dal medico.

Afte in bocca: rimedi naturali per combatterle

Le afte in bocca sono un problema che affligge sia i piccoli che i grandi. Possono durare da qualche giorno a un paio di settimane e in genere spariscono da sole.

Sono però molto fastidiose e, se non si ha un rimedio medicinale disponibile si può ricorrere ai rimedi naturali.

Questi sfruttano i principi attivi di piante e sostanze naturali come il miele e il sale per alleviare il disturbo e accelerare il processo di guarigione.

Acqua e sale

Acqua e sale sono due ingredienti presenti in ogni cucina e sono utilizzati per il classico rimedio della nonna: gli sciacqui per combattere le afte della bocca.

Il sale svolge tre azioni molto importanti: antisettica, disinfiammante e disidratante.

Sciolto nell’acqua aiuta a eliminare i batteri presenti nel cavo orale e a lenire il dolore. Inoltre, asciuga il liquido presente nelle afte, seccandole. In questo modo accelera la guarigione.

Per disinfettare il cavo orale e trovare sollievo sciogliete mezzo cucchiaino di sale in mezzo bicchiere d’acqua e risciacquate la bocca per almeno 30 secondi. Ripetete più volte al giorno, per alcuni giorni.

Bicarbonato

Il bicarbonato, molto apprezzato per le sue proprietà antisettiche e disinfettanti, si rivela utile anche per combattere le afte della bocca. Inoltre ha anche un effetto lenitivo, il che lo rende perfetto per le mucose orali infiammate.

Versate 1 cucchiaino di bicarbonato in una tazzina da caffè. Aggiungete poche gocce di acqua e mescolate fino a ottenere una pastella. Applicate sulle afte e lasciate in posa alcuni minuti. Risciacquate. Ripetete l’applicazione più volte al giorno.

Per un effetto ancora più lenitivo unite al bicarbonato un po’ di gel di aloe vera.

Tea tree oil

L’olio essenziale di tea tree si estrae dalle foglie di Melaleuca e ha proprietà antimicrobiche e antinfiammatorie.

Per questo è molto adatto nel caso di afte della bocca. Ha inoltre proprietà antifungine, che eliminano funghi e batteri dalle mucose.

Mettete 1 goccia di tea tree oli su un cucchiaino e diluitela con qualche goccia di acqua. Intingete un cotton fioc o una piccola garza e tamponate l’afta. Ripetete più volte al giorno.

Potete anche diluire il tea tree oil in poca acqua e fare degli sciacqui: in questo caso fate attenzione a non ingerirlo perché può essere tossico.

Miele e camomilla

Miele e camomilla sono un binomio utilissimo in molti casi, anche per curare le afte in modo naturale.

Il miele infatti è un potente antisettico mentre la camomilla lenisce e calma il dolore.

Si possono assumere insieme, sciogliendo un cucchiaino di miele in una tazza di camomilla e facendo degli sciacqui più volte al giorno.

Oppure potete applicare direttamente poco miele sull’afta e lasciare in posa finché non si scioglierà in bocca.

Un altro metodo è intingere una garza nella camomilla fredda e tamponare direttamente le afte.

Aloe vera

L’aloe vera, è un toccasana per la pelle irritata o lesionata. Essa infatti ha proprietà lenitive ed emollienti e favorisce la cicatrizzazione di piccole ferite. Per questo è molto adatta per trattare le afte della bocca.

Applicate un po’ di gel direttamente sulla lesione, più volte al giorno, per attenuare il dolore e accelerare la guarigione.

Se volete anche un effetto antibatterico, unite al gel di aloe un po’ di bicarbonato. Spalmate sulle afte e fate agire per qualche minuto.

Grazie alle sue caratteristiche l’aloe è presente anche in molti prodotti per l’igiene orale. Scegliere collutori o dentifrici contenenti questa pianta può essere un aiuto per chi soffre di afte.

Definizione e cause delle afte orali

Le afte orali sono lacerazioni della mucosa del cavo orale che colpiscono circa il 10% della popolazione.

Si presentano come macchie di colore bianco, leggermente gonfie e ruvide che causano dolore e bruciore. Colpiscono sia bambini che adulti, con una prevalenza tra le donne e i soggetti che usano apparecchi ortodontici.

Durano da pochi a giorni a un paio di settimane e sono molto fastidiose: spesso chi ne è colpito fa fatica a mangiare, a bere e a parlare.

Ci sono soggetti più predisposti in cui le afte si manifestano più spesso o durano più a lungo.

Le cause non sono ancora del tutto note ma sono stati individuati alcuni fattori di rischio:

Conoscere le possibili cause delle afte permette di limitarne la comparsa.

Per prevenire questo disturbo è molto importante l’igiene orale. Non solo lavarsi molto bene i denti dopo ogni pasto ma anche usare collutorio e filo interdentale. In questo modo si eliminano tutti i residui di cibo che possono scatenare infezioni batteriche. Anche la pulizia dei denti fatta dal dentista è importante e andrebbe eseguita una volta all’anno.

Bisogna poi fare attenzione ai piccoli traumi della bocca quali morsi accidentali delle mucose o lesioni delle gengive. Attraverso queste ferite potrebbero infatti introdursi dei batteri.

Anche l’alimentazione è importante per prevenire questo disturbo. I cibi piccanti e irritanti quali caffè, cioccolato e spezie possono causare una reazione infiammatoria della mucosa orale. I residui di questi alimenti possono anche rendere acida la saliva e irritare l’interno della bocca. Per chi soffre di afte è quindi importante limitare il consumo di alimenti infiammatori.

In ultimo, le afte possono dipendere da una carenza vitaminica: assumere integratori per le difese immunitarie, zinco, ferro e acido folico può essere utile per limitarne la comparsa. Prima però è necessario consultare il proprio medico e sottoporsi ad analisi per verificare se c’è una carenza di vitamine.

Se le afte non guariscono nel giro di un paio di settimane, se sono molto estese e si presentano di frequente è bene consultare il proprio medico. Egli valuterà le possibili cause e consiglierà la terapia più indicata per risolvere il fastidio.

Integratori naturali per le afte

Per curare le afte in bocca oltre ai rimedi naturali si possono anche assumere integratori.

Essi non sono medicinali, perciò non agiscono immediatamente ma occorre prenderli per periodi più o meno lunghi prima di ottenere dei benefici.

Molto utili, nei periodi di forte stress quelli per le difese immunitarie. Essi sfruttano i principi attivi presenti in natura per aiutare il nostro organismo a difendersi da microbi, batteri e agenti esterni. Oltre alle vitamine, contengono anche minerali essenziali quali per esempio lo zinco che ha un’azione antinfiammatoria.

Un’alimentazione squilibrata, ricca di cibi grassi e piccanti, favorisce sia le afte che il reflusso gastroesofageo. Quest’ultimo, attraverso i succhi acidi può infiammare la mucosa della bocca. In questo caso sono molto utili gli integratori come NeoBianacid che neutralizzano gli acidi e attenuano l’infiammazione gastrica. Questi prodotti agiscono grazie ai principi attivi di piante dal potere lenitivo e antinfiammatorio come l’aloe vera e la malva.

Per evitare le afte è molto utile anche l’acido folico (o vitamina B9) che aiuta la formazione di nuove cellule. Una sua carenza infatti può causare lacerazioni delle labbra e delle mucose della bocca. Gli integratori di questa sostanza, sono spesso arricchiti anche con altre vitamine del gruppo B. Esse proteggono i capelli e la cute e sostengono l’organismo nei periodi di forte stress.

Vitamina B12

La vitamina B12 è un nutriente essenziale per il nostro organismo. Essa supporta il sistema immunitario, favorisce la formazione dei globuli rossi, aiuta il metabolismo energetico, assicura il benessere di capelli, unghie e pelle.

Una carenza di vitamina B12 può quindi causare numerosi disturbi: spossatezza, anemia, mancanza di appetito, degenerazione dei tessuti e anche le afte orali.

Chi soffre di questo disturbo in modo ricorrente deve rivolgersi al proprio medico e, attraverso analisi del sangue, verificare i livelli di B12 nel proprio corpo. In caso di carenza è bene assumere un integratore, soprattutto nei periodi di forte stress.

Trattare le afte in bocca grazie a rimedi naturali e integratori è possibile. A questi bisogna però aggiungere un’alimentazione leggera con pochi cibi grassi e irritanti oltre a una corretta igiene orale.

Con poche, semplici mosse, alleviare i disturbi causati da queste piccole lacerazioni è possibile.

Fonti

Gruppo San Donato 

Fondazione Veronesi