bruciore intimo rimedi naturali

Tutte le donne hanno sofferto almeno una volta di bruciore intimo. I rimedi naturali per combatterlo sono tanti ed efficaci: bicarbonato, camomilla ma anche aloe vera e oli essenziali.

Tutte soluzioni che donano un rapido sollievo e che possono essere usate da sole, o insieme a prodotti farmaceutici. I rimedi naturali però non devono mai essere sostituiti a creme o farmaci prescritti da un medico.

In questo articolo vi suggeriremo i rimedi naturali per alleviare il bruciore intimo e quali sono le cause più comuni di questo disturbo.

Bruciore intimo e rimedi naturali

Il bruciore intimo è molto diffuso tra le donne di tutte le età e causa molti fastidi e disagi.

La maggior parte delle volte svanisce in fretta mentre in altri casi è difficile da risolvere. Nei casi più gravi può essere accompagnato da perdite maleodoranti, prurito intenso e dolore a urinare.

In queste situazioni è bene consultare il proprio ginecologo che farà tutti gli accertamenti del caso per escludere infezioni.

Nei casi meno gravi il bruciore intimo può essere trattato con rimedi naturali, utilizzando i principi attivi di piante ed erbe che tolgono l’infiammazione e alleviano il prurito.

Questi rimedi, a differenza dei prodotti di sintesi, possono essere usati più volte al giorno e affiancati ad altri trattamenti.

Vediamo ora quali sono i più diffusi ed efficaci.

Bicarbonato di sodio

Il bicarbonato è un sale naturale molto utile per risolvere disturbi di lieve entità, tra cui anche il bruciore vaginale.

Ha infatti proprietà antisettiche grazie a cui elimina e previene la formazione di microrganismi patogeni. Inoltre è un efficace lenitivo, che allevia in poco tempo il bruciore e il prurito intimo.

Può essere utilizzato per fare bagni o lavaggi intimi oppure applicato direttamente sulla zona interessata.

Nel primo caso basta sciogliere 3 cucchiai nella vasca da bagno prima di immergersi. Per aumentare l’effetto lenitivo si possono aggiungere poche gocce di olio essenziale di lavanda o di camomilla.

Se avete poco tempo sciogliete 1 cucchiaio di bicarbonato in un po’ d’acqua tiepida e fate dei lavaggi intimi. Potete ripeterli più volte al giorno.

Se il bruciore è molto forte fate una pastella con bicarbonato e acqua, applicatela sulle zone da trattare e lasciatela in posa alcuni minuti. Anche in questo caso potete aggiungere poche gocce di oli essenziali: lavanda, tea tree o camomilla sono perfetti.

Gel di aloe vera

Tra i rimedi naturali per il bruciore intimo c’è anche l’aloe vera, una pianta grassa molto efficace sulle irritazioni cutanee.

Il gel di aloe, che si ricava dalla parte interna delle foglie, ha proprietà lenitive, emollienti e antinfiammatorie. Per questo può essere applicato direttamente sulle zone intime, anche più volte al giorno. La sua consistenza dona subito sollievo dal prurito e regala una piacevole sensazione di freschezza. Molto indicato in estate, quando l’acqua del mare e la sabbia irritano la pelle.

Camomilla

La camomilla è il rimedio della nonna per eccellenza anche quando si soffre di prurito o bruciore intimo. Ha proprietà antinfiammatorie, combatte la formazione di funghi e batteri, è calmante e lenitiva.

Molto utile, a fine giornata, fare lavaggi intimi con la camomilla. Se il disturbo è più forte si possono anche fare degli impacchi: imbevete una garza nella camomilla e applicatela sulla parte da trattare. Lasciate agire 10 minuti e asciugate bene.

Per potenziare l’azione antibatterica di questa pianta si può aggiungere 1 goccia di tea tree oil all’infuso.

Impacchi e lavaggi possono essere ripetuti più volte al giorno e associati ad altri tipi di trattamenti quali per esempio lavande o creme.

Amido di riso

L’amido di riso svolge un potente effetto lenitivo sulla pelle, infatti è molto usato per il bagnetto dei più piccoli.

In caso di episodi di prurito intimo e bruciore può essere disciolto in acqua per fare impacchi o lavaggi.

Se il disturbo è molto forte e persistente si consiglia di creare una crema con amido di riso e pochissima acqua. Applicare poi sulle zone interessate e lasciare agire 10 minuti. Quindi risciacquare.

In tutti questi casi si possono aggiungere degli oli essenziali: 1 goccia per la “crema” 2 gocce per impacchi e lavaggi.

Rimedi per prurito intimo: gli oli essenziali

Gli oli essenziali sono sostanze estratte dalle piante. Ricchi di principi attivi, sono utilizzati per trattare in modo naturale i disturbi più comuni, anche quelli intimi.

La calendula è una pianta originaria del Nord Africa, e da sempre è conosciuta e utilizzata per le sue proprietà lenitive, antinfiammatorie e antisettiche.

Il suo olio essenziale può essere usato puro o sciolto in acqua per fare lavaggi intimi o impacchi.

Aggiungere qualche goccia di olio essenziale di calendula al detergente intimo che usate tutti i giorni ne potenzia gli effetti.

Per risolvere i fastidi intimi bastano anche poche gocce di olio essenziale di camomilla. Lenisce le infiammazioni e allevia bruciori e fastidi. Anche questo olio può essere aggiunto al detergente intimo o utilizzato per lavaggi. Poche gocce, inoltre, rendono il rimedio al bicarbonato visto sopra profumato e addolcente.

Il tea tree oil (olio essenziale di Melaleuca) è un potente antibatterico e antinfiammatorio. Si trova in moltissimi prodotti per l’igiene intima e può essere usato anche a casa. Diluito in acqua per lavaggi disinfettanti o aggiunto agli impacchi con bicarbonato o amido di riso, questo olio essenziale è un prodotto indispensabile per il benessere femminile.

Quando il bruciore e il prurito intimo si presentano in estate l’olio essenziale di menta piperita dona subito sollievo e freschezza. Usatelo per arricchire il vostro detergente intimo, o nella vasca da bagno dopo una lunga giornata.

Se il fastidio è causato da secchezza vaginale o da candida, l’olio essenziale di salvia è un valido aiuto. La sua azione antimicrobica e antinfiammatoria è molto utile per alleviare le infezioni e i fastidi cutanei.

Gli oli essenziali, grazie alle loro proprietà, sono spesso inseriti come ingredienti fondamentali anche in molti prodotti per l’igiene intima. Scegliete sempre quello più adatto alle vostre esigenze e preferibilmente con ingredienti naturali.

Cause del bruciore e del prurito intimo

Prurito e bruciore intimo sono due disturbi molto diffusi tra le donne di tutte le età. Possono presentarsi ogni tanto o essere frequenti, in ogni caso sono molto fastidiosi e causano disagio.

Quando si soffre di prurito intimo per esempio è molto difficile indossare abiti stretti durante la giornata, mentre il bruciore rende dolorosa la minzione e i rapporti sessuali.

La sensazione di bruciore intimo è causata quasi sempre da infezioni, infiammazioni o irritazioni. Le principali sono:

Il prurito vaginale ha le stesse cause e a volte è la causa del bruciore. Lo sfregamento eccessivo per alleviare il prurito, per esempio, può causare dolore e irritazione.

Come evitare il bruciore intimo

Tra le regole di base per evitare il bruciore intimo c’è una corretta igiene intima. Scegliere il detergente intimo con il nostro stesso pH, che cambia a seconda dei periodi:

Sono da preferire i detergenti senza tensioattivi, con ingredienti naturali e sostanze lenitive come Euphidra AmidoMio Intimo Detergente Delicato.

Indossare biancheria intima di cotone ed evitare quella sintetica. Fare attenzione anche agli slip di pizzo, soprattutto se indossati sotto pantaloni stretti.

Evitare indumenti molto stretti, come per esempio i jeans, nei mesi più caldi e quando si resta sedute per molte ore. In estate, al mare, cambiare il costume dopo il bagno perché l’acqua salata e la sabbia potrebbero irritare la cute e causare abrasioni.

Fare attenzione anche agli assorbenti profumati, poiché possono causare irritazione, e cambiarli frequentemente. Quando si è fuori casa, inoltre, utilizzare salviettine intime è un buon modo per mantenere la zona pulita.

Nei mesi più caldi andrebbero evitati i proteggi slip poiché rendono la zona intima umida e favoriscono la proliferazione di batteri.

Bere molta acqua, infine, aiuta a eliminare le tossine e protegge le vie urinarie. Spesso, infatti, il bruciore intimo è causato da urine molto concentrate.

Anche l’alimentazione è importante: limitare il consumo di alimenti infiammatori, zuccheri, alcool e caffè limita gli stati infiammatori e rende le urine meno acide.

La candida

È tra le cause più frequenti del bruciore intimo. Essa è provocata da germi e batteri che proliferano quando il pH della mucosa vaginale è alterato. Ciò avviene quando si assumono antibiotici, durante la gravidanza e la menopausa.

Si manifesta con: bruciore e prurito intimo, perdite vaginali biancastre simili al latte cagliato e dall’odore molto acido.

Per curare la candida bisogna ripristinare l’equilibrio della flora batterica vaginale con appositi ovuli contenenti lattobacilli.

Per evitare questo disturbo, oltre a seguire i consigli dati sopra, sono molto utili i fermenti lattici. Prenderli nei periodi a rischio: per esempio durante una cura antibiotica o nel corso della gravidanza, favorisce il benessere della flora batterica intima.

Fonti

Manuale MSD

Gruppo San Donato